Forum-Islamico

HADITH DEL PROFETTA S.A.A.S. ALLAH S.T. HA DETTO: O Mie servi! Ho proibito a Me stesso l'oppressione e la proibisco tra di voi.Quindi non opprimetevi lun l'altro.
 
IndicePortaleGalleriaCalendarioFAQCercaRegistrarsiGruppiAccedi
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
italislam-online 2
Asmaul Husna i Nomi Di Allah
Calendario Islamico ijra
Orario della preghiera per cità di Milano e d'intorni
Ultimi argomenti
http://my-beautiful-muslim-life.blogspot.com/
Partner
Radio "italislam-online"

Condividere | 
 

 LE PROVE DELLA VITA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 521
Reputazione : 0
Punti : 1192
Data d'iscrizione : 20.12.07

MessaggioOggetto: LE PROVE DELLA VITA   Ven Mar 25, 2011 8:07 pm

LE PROVE DELLA VITA....

Associazione culturale Islamica ONLUS di Biella ( la Sorella Khadija)

La lode appartiene ad Allàh (SWT) che dice:

"Sicuramente vi metteremo alla prova, terrore, fame e diminuzione dei beni, delle persone e dei raccolti. Ebbene, dà la buona novella a coloro che perseverano, coloro che quando li coglie una disgrazia dicono: "Siamo di Allàh e a Lui ritorniamo". Quelli saranno benedetti dal loro Signore e saranno ben guidati." Sura al-Baqara/ La Giovenca, v. 155-157

E la pace e la benedizione sul Suo Inviato, messo più volte alla prova e sempre paziente e riconoscente, sulla Sua nobile famiglia, i Suoi eccellenti compagni, messi più volte alla prova, e su tutti coloro che li seguono nel miglior modo, fino all'Ultimo Giorno. Tutti sappiamo che la vita terrena è piena di malesseri e prove e che ogni credente, uomo o donna, è soggetto ad esse: una volta è messo alla prova nella sua persona, un'altra volta nei suoi beni, e nei suoi affetti,…e così il destino cambia e varia secondo la volontà del Saggio Onnisciente. Se il credente non ha una vera e propria idea delle prove e delle tentazioni, sicuramente le sue reazioni saranno più errate che conformi, soprattutto di fronte a disgrazie o imprevisti tanto enormi ed improvvisi da far perdere la testa. Ci rifugiamo in Allàh -il sommamente Misericordioso- perché ci mantenga saldi nella fede.

Perciò questo articolo vuol consolare ogni ferito, qualunque sia il suo dolore, chiarendo alcune importanti ragioni dell'immensa prova, trascurate dai musulmani -che Allàh ci guidi- che dimenticano che Allàh (SWT) non ci mette alla prova per castigarci, ma per coprirci con la Sua misericordia e che ogni credente deve osservare la prova e la tentazione, con la perdita dei beni, della salute o delle persone amate, attraverso il Sublime Corano e la Nobile Sunnah.

L'esame e la prova

Ci troviamo in una grande sala dove siamo ogni giorno sotto esame, mentre la vita scorre, ogni cosa in essa è esame e prova: esame nei beni materiali, esame nel coniuge e nei figli, esame nella ricchezza e nella povertà, esame nella salute e malattia, e ognuno di noi, sia come sia, è sempre sottoposto a prova in ogni propria ricchezza e in ogni cosa che ci succede finché incontriamo Allàh -Colui che è al di sopra di ogni cosa.

L'Altissimo dice: "Ogni anima gusterà la morte vi sottoporremo alla tentazione con il male e con il bene e poi a Noi sarete ricondotti." Sura al-Anbiyà'/ I Profeti, v. 35

"Gli uomini credono gli si lascerà dire: "Noi crediamo" senza metterli alla prova? Già mettemmo alla prova coloro che li precedettero. Allàh conosce perfettamente coloro che dicono la verità e conosce perfettamente i bugiardi." Sura al-'Ankabùt/ Il Ragno, v. 2-3

Tu che stai bene sei nella prova, ma non ti rendi conto che sei nella sala d'esame finché sarai scosso, e tu che sei malato sei nella prova, ma non ti rendi conto che sei nella sala d'esame finché sarai guarito. Non c'è nessuno così bravo da salvarsi dall'esame, il Profeta (saw) disse: "Le persone più sottoposte all'immensa prova sono i profeti, poi il migliore, poi il migliore…" ( Bukhari).

Come non c'è nessuno che si salva dalla prova, ma c'è chi supera l'esame con la pazienza, la fede e il trattenere in sé, e c'è chi non supera l'esame perché perde la pazienza, contestando il Decreto Divino -che Allàh ci protegga. Che Allàh (SWT) copra di misericordia al-Fudayl Ibn Ayyàd che disse: "La gente sta bene finché non è messa alla prova, ma quando l'immensa prova la colpisce, si scopre la verità di ognuno, il credente con la sua vera fede e l'ipocrita con la sua ipocrisia".

Il destino e il Decreto divino

Allàh -gloria a Lui, l'Altissimo- ha destinato ad ognuno il suo sostentamento e la lunghezza della sua vita. Allàh (SWT) dice: "Siamo noi che distribuiamo tra loro la sussistenza in questa vita." Sura az-Zukhruf/ Gli ornamenti d’oro, v. 32

Il sostentamento è previsto, la malattia è prevista, la salute è prevista ed ogni altra cosa, perciò accontentati di ciò che è prescritto e non ribellarti quando sei ammalato, non rifiutare il Decreto divino e non insultare il tempo, perché ogni minuto, ogni secondo ed ogni respiro sono tra le mani di Allàh -l'Onnipotente- ed Egli li fa scorrere come vuole, rende malato chi vuole, mantiene sano chi vuole, mette alla prova chi vuole:

"Non è a Lui che appartiene la creazione e l'ordine?" Sura al-A'ràf, v. 4

Sì, o Allàh, gloria a Te! Poiché è così, allora sottomettiti alla volontà di Allàh (SWT) e sappi che ciò che ti è successo non era per sbaglio, e ciò che non ti è successo 'per sbaglio' non doveva succederti. E chi desidera che la vita sia sullo stesso filo è come se volesse che il Decreto divino sia conforme alla sua passione e al suo desiderio.

Bene e dono

Sia come sia il destino e l'immensa prova sono sempre un bene per il credente, e non per gli altri, ma a condizione di ringraziare Allàh -gloria a Lui, l'Altissimo- per i beni e di essere paziente nell'esame; il Profeta (saw) disse: "Strano! Gli affari del credente sono tutti per lui dei beni, e questo è solo per il credente, ringrazia, e questo è un bene per lui, quando gode di un benessere ed è paziente, e questo è un bene per lui, quando è colpito da un malessere", riferito da Muslim.

Il poeta disse: Allàh dona mettendo alla prova e mette alla prova con i doni.

E meglio di esso le parole del Veritiero:

"…può darsi che abbiate avversione per qualcosa in cui Allàh ha riposto un grande bene." Sura An-Nisà'/ Le donne, v. 19

"Ebbene, è possibile che abbiate avversione per qualcosa che invece è un bene per voi e può darsi che amiate una cosa che invece vi è nociva. Allàh sa e voi non sapete." Sura al-Baqara/ La giovenca, v. 216

Perciò sappi, servo di Allàh, che ti ha messo alla prova Colui che ti ha coperto di misericordia, ha preso da te Colui che ti dà in abbondanza, e non tutte le cose che tu detesti sono in verità cattive e non tutte le cose che desideri sono dei benefici per te. E Allàh (SWT) sa e tu non sai. Se il gusto della pazienza è amaro dolci frutti saranno raccolti.

Dicono gli avi: "Se sei colpito da una disgrazia e sei paziente, la tua disgrazia è una e se sei colpito da essa e perdi la pazienza, la tua disgrazia è doppia: perdi Colui che ami (Allàh) e perdi la buona ricompensa".

Allàh (SWT) dice: "Fra gli uomini c'è chi adora Allàh tentennando. Se gli giunge il bene si acquieta, se gli giunge una prova fa voltafaccia e perde in questa vita e nell'Altra. Questa è una perdita evidente." Sura al-Hajj/ Il Pellegrinaggio, v. 11

Magari da un fatto irritante hai come risultato delle approvazioni.



Purificazione ed espiazione

L'immensa prova è la fermata dove tutti si fermano, è il momento in cui i peccati si staccano di dosso, come cadono le foglie dagli alberi. Il credente è ricompensato di tutto ciò che gli succede; per il mal di testa, il mal di denti, per ogni preoccupazione, tristezza, malvagità subita, per ogni malattia, fatica…e non solo, ma anche per 'piccoli dolori' provocati da una spina.

Il Profeta (saw) disse: "Tutto quello che colpisce il musulmano, malattia, fatica, preoccupazione, tristezza o malvagità, anche dolore provocato da una spina, Allàh gli perdona [con ciò] i suoi peccati", detto con accordo unanime.

Fu raccontato che il Profeta (saw) disse, quando entrò da Umm as-Sèib(ra): "Perché tremi?" rispose: "La febbre, che Allàh non la benedica.", replicò (saw): "Non insultarla che porta via i peccati dei figli di Adamo come il mantice porta via la scoria dal ferro", riferito da Muslim.

Disse ancora: "Non capita un qualsiasi malessere a qualsiasi musulmano, sia che si tratti di una malattia o altro, finché Allàh porta via i suoi peccati, come vengono portate via le foglie dall'albero." Detto con accordo unanime. Congratulazioni ai pazienti, indulgenti.

Gradi (d'onore) e accesso -con il permesso di Allàh (SWT)- alle Dimore del Paradiso

L'immensa prova non colpisce il credente finché Allàh cancella i suoi peccati se esso è peccatore, e tutti i figli di Adamo sono peccatori. Se non lo è, l'immensa prova aumenta i suoi gradi d'onore nel Paradiso e una Dimora più alta.

Fu riportato in un detto che Allàh -il Misericordioso- dice agli angeli quando tolgono l'anima del figlio del Suo servo: «Gli avete tolto l'amore del suo cuore?», rispondono: "Sì". Allàh (SWT) dice: «Cosa ha detto il Mio servo?», rispondono: "Ti ha lodato e si è ripreso", dice Allah (SWT): «Costruite al Mio servo una casa nel Paradiso e chiamatela 'La casa della Lode'», riferito da Ahmed e corretto da al-Albàni.

E dice, gloria a Lui l'Altissimo, nel detto Santo: «Non ho nulla da dare al Mio servo credente come ricompensa, quando gli porto via le due cose che egli ama [i suoi occhi], ed egli si accontenta, se non il Paradiso», riferito da al-Bukhari.

Allàh -il Generosissimo- fa aumentare i gradi d'onore del credente più di quanto subisce nella prova, il Profeta (sas) disse: «Non c'è nessun musulmano punto da una spina, o qualsiasi altra cosa più grave, al quale non venga riconosciuto un grado e cancellato un peccato», riferito da Muslim.



tratto da "Mondo Islam" n. 5

_________________
FORUM-ISLAMICO
Tornare in alto Andare in basso
http://islaminitalia.forum-2007.com
 
LE PROVE DELLA VITA
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» IL METODO DELL'ALBERO DELLA VITA
» le cose importanti della vita
» nuova fase della vita
» 25 BENEDICTA VIRIDITAS (PROTEGGI LE ACQUE DELLA VITA
» Il Big Bang e la Nascita della Vita - Storia, classe III

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum-Islamico :: SPAZIO DI CONOSCENZA E ISTRUZIONE :: ISLAM-
Andare verso: